F.C FIORENTINA

In questa sezione potete parlare di tutto quello che volete a parte Football Hero
Avatar utente
Piotta76
Messaggi: 2422
Iscritto il: 10/02/2017, 0:31
Località: roma

10/02/2017, 15:22

SI PARTE CON LA STORIA DELLLA FIORENTINA ;)


http://prntscr.com/e73awh


L'ACF Fiorentina (Associazione Calcio Firenze e Associazione Fiorentina del Calcio nel 1926, Associazione Calcio Fiorentina dal 1927 al 2002 e Florentia Viola nel 2002-2003), più comunemente nota come Fiorentina, è una società calcistica italiana con sede nella città di Firenze, fondata il 29 agosto 1926 dal marchese Luigi Ridolfi Vay da Verrazzano. Dal 2002, il club è di proprietà di Diego e Andrea Della Valle.

Nel corso della sua storia, è stata per due volte campione d'Italia, nel 1955-1956 e nel 1968-1969; in ambito nazionale ha inoltre vinto sei Coppe Italia e una Supercoppa italiana. In ambito internazionale è stata la prima squadra italiana a vincere una competizione UEFA, la Coppa delle Coppe nel 1960-1961, nonché una delle tredici squadre europee che hanno disputato finali in tutte le tre principali competizioni continentali: la Coppa dei Campioni (nel 1956-1957, prima squadra italiana a raggiungere la finale nella massima competizione continentale), la Coppa delle Coppe (nel 1960-1961 e nel 1961-1962) e la Coppa UEFA (nel 1989-1990); vanta inoltre nel palmarès una Coppa Grasshoppers, una Coppa Mitropa e una Coppa di Lega Italo-Inglese.

Occupa il 6º posto su 24 come club italiano nelle competizioni internazionali. La Fiorentina inoltre è al 5º posto su 63 come partecipante al campionato di Serie A (79 partecipazioni in Serie A, compreso la stagione 2016-2017), e al 5º posto su 63 nella classifica perpetua della Serie A, mentre per quanto riguarda la classifica del campionato italiano di calcio dal 1898 al 1929, la squadra è 109º posto su 156.

In base a quanto emerso da un sondaggio della società Demos & Pi effettuato nel settembre 2016, la Fiorentina risulta essere la settima squadra per numero di sostenitori in Italia, avendo riscosso la preferenza del 2,6% del campione.

Il colore sociale è il viola, scelta cromatica voluta espressamente dallo stesso Ridolfi nel 1929; altri segni distintivi della società sono la Canzone viola, inno ufficiale composto da Marcello Manni e reinterpretato e arrangiato nel 1965 da Narciso Parigi, e lo stemma, caratterizzato da un giglio rosso su sfondo bianco, simbolo della città toscana. Inizialmente, la sede delle partite casalighe era lo Stadio Velodromo Libertas, mentre dal 1931 la squadra disputa i propri incontri casalinghi nello Stadio Artemio Franchi.


Storia
Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Storia dell'ACF Fiorentina.

Il calcio "all'inglese" fu introdotto a Firenze dal Florence Football Club, nel 1898. Quando la squadra si sciolse nel 1909, alcuni suoi giocatori confluirono sia nei rossi della PGF Libertas, sia nei bianchi del CS Firenze.
La Coppa Italia 1939-1940, primo trofeo vinto dalla squadra viola.

Il 26 agosto 1926, con la fusione tra la Palestra Ginnastica Fiorentina Libertas e il Club Sportivo Firenze, appoggiata da Luigi Ridolfi, Niccolò Gentile e altre autorità sportive dell'epoca, venne fondata l'Associazione Calcio Firenze (poi Associazione Fiorentina del Calcio), denominata l'anno seguente Associazione Calcio Fiorentina; il primo incontro ufficiale, valevole per il campionato di Prima Divisione 1926-1927 si tenne nello stadio di via Bellini il 3 ottobre 1926 contro il Pisa. La prima maglia ufficiale era inquartata bianca e rossa, colori sociali di Firenze e dei club da cui è originata la Fiorentina, con sul petto il Giglio di Firenze.
La Fiorentina per la prima volta campione d'Italia nel 1955-1956.

Dopo l'incorporazione nel club dell'Unione Sportiva Fiorenza e dell'Itala Football Club, e la promozione a tavolino del 1928 nonostante il caso Savoia-Fiorentina, per la volontà da parte della Federcalcio di creare un campionato a girone unico, i Gigliati disputarono la prima loro stagione nella massima serie, la Divisione Nazionale, terminata all'ultimo posto in classifica; nonostante il regolamento prevedesse per loro la Prima Divisione, vennero ripescati e inseriti in Serie B. Nel 1929, in un'amichevole con la Roma, la squadra toscana indossò per la prima volta maglie di colore viola, volute esplicitamente dal marchese Ridolfi, primo presidente dei Gigliati. I Viola vinsero il campionato 1930-1931, ottenendo così la promozione in Serie A

Nel 1931 venne inaugurato lo Stadio Giovanni Berta.La prima stagione viola nella nuova struttura terminò al quarto posto, con 25 reti di Pedro Petrone, capocannoniere del torneo. Negli anni 1930 la Fiorentina debutta nelle competizioni calcistiche europee (Coppa dell'Europa Centrale 1935) e retrocede in B nel 1937-1938: tuttavia, con il primo posto nella successiva stagione di Serie B, ritornarono subito in massima serie. Nel 1940, la Fiorentina conquistò il primo trofeo della sua storia, la Coppa Italia.
La Fiorentina con la Coppa delle Coppe 1960-1961.

Nella stagione 1955-1956, allenati da Fulvio Bernardini, i Viola vinsero il loro primo scudetto, con cinque giornate di anticipo. La vittoria della Serie A consentì al club di partecipare alla Coppa dei Campioni, dove i Gigliati arrivarono in finale il 30 maggio 1957 al Santiago Bernabéu, venendo battuti dal Real Madrid per 2-0. Ventidue giorni prima, il club fiorentino aveva vinto la Coppa Grasshoppers.

Dall'annata seguente, la Fiorentina si classificò per quattro volte consecutive al secondo posto,[30] arrivando inoltre due volte in finale di Coppa Italia (1958 e 1960). in campo europeo, giocò come nazione la Coppa dell'Amicizia italo-francese 1959 e 1960. Nel 1960-1961, il club, guidato da Nándor Hidegkuti, vinse la coppa nazionale superando la Lazio 2-0, la Coppa delle Alpi 1961 (come nazione) e la Coppa delle Coppe, battendo nella doppia finale i Rangers per 2-0 in trasferta e per 2-1 in casa; con questa vittoria divenne la prima squadra italiana a vincere una competizione UEFA per club. I Gigliati arrivarono in finale di quest'ultima competizione anche l'anno successivo, venendo battuti dal Atlético Madrid per 3-0 nella ripetizione dell'incontro.
La Fiorentina per la seconda volta scudettata nel 1968-1969.

Per tutti gli anni 1960, considerati il decennio d'oro della storia viola, la Fiorentina stazionò nelle prime posizioni della Serie A, vincendo la Coppa Mitropa e la Coppa Italia nel 1966. Nella stagione 1968-1969 i Viola conquistarono il loro secondo titolo nazionale, con in panchina l'argentino Bruno Pesaola.

Negli anni 1970, la società viola vinse la sua quarta Coppa Italia (1975)[34] e la Coppa di Lega Italo-Inglese. Nel decennio successivo subentrarono alla presidenza della società i Pontello, che attuarono alcune scelte societarie contestate dai tifosi, come il cambio dell'inno e dello stemma. Nel 1990 la squadra raggiunse la finale della Coppa UEFA, sconfitta nella doppia sfida dalla Juventus, in un torneo che ha visto per la prima volta due squadre italiane contendersi un trofeo confederale.

Nelo stesso anno, dopo notevoli polemiche per la cessione di Baggio alla Juventus, i Pontello cedettero la società a Mario Cecchi Gori. Nel 1992-1993, dopo cinquantaquattro anni nella massima serie italiana, i gigliati retrocedettero in Serie B, ottenendo tuttavia l'ammissione in Serie A dopo un anno. Il nuovo ciclo, cominciato nel 1993 con la presidenza di Vittorio Cecchi Gori, ebbe risultati altalenanti in campionato nelle stagioni successive, arrivando due volte al terzo posto, nel 1995-1996 e nel 1998-1999, vincendo la Coppa Italia e la Supercoppa italiana nel 1996. Nella stagione 1999-2000, la Fiorentina tornò nella massima competizione internazionale dopo trent'anni, e nell'annata seguente vinse la sua sesta Coppa Italia.
La Fiorentina finalista della Coppa UEFA 1989-1990.

Nell'estate 2001, il tribunale civile di Firenze avviò una procedura di fallimento a carico della Fiorentina, che, nonostante le cessioni dei giocatori più illustri come Batistuta, Rui Costa e Toldo, versava in una grave crisi di bilancio. In questa difficile situazione finanziaria, nel 2001-2002 la Fiorentina arrivò penultima e retrocedette nel campionato cadetto. A causa dei mancati pagamenti degli stipendi di calciatori e dell'impossibilità di sostenere gli sforzi economici relativi alla partecipazione al successivo campionato, la società non poté iscriversi alla Serie B e venne in seguito dichiarata fallita.

Il 1º agosto 2002 venne fondata la Fiorentina 1926 Florentia da Leonardo Domenici, sindaco di Firenze; la nuova società, che venne iscritta alla Serie C2, venne acquistata da Diego Della Valle e rinominata Florentia Viola. Il campionato venne vinto dai Gigliati, che, in seguito al caso Catania, vennero eccezionalmente promossi direttamente in Serie B per meriti sportivi e per bacino d'utenza; il 15 maggio 2003, Della Valle acquistò il marchio e i colori della vecchia A.C. Fiorentina. Il 19 maggio la Florentia Viola tornò ad assumere ufficialmente il suo vecchio nome, diventando ACF Fiorentina.
La Fiorentina celebra la vittoria nella Supercoppa italiana 1996.

La stagione 2003-2004 vide la Fiorentina tornare in Serie A, dopo il sesto posto in campionato e il vittorioso spareggio interdivisionale contro il Perugia. Dopo una salvezza ottenuta all'ultima giornata nel 2004-2005, i Viola furono coinvolti in Calciopoli, che li penalizzò sia nella stagione 2005-2006, estromettendoli dalle coppe europee, sia in quella successiva, che, nonostante i punti di penalizzazione, li vide qualificarsi alla Coppa UEFA 2007-2008, che si concluse in semifinale dopo aver ceduto ai calci di rigore contro i Rangers Glasgow.Nelle successive stagioni, guidata da Prandelli, ottenne per due volte la qualificazione alla Champions League, arrivando agli ottavi di finale nel 2009-2010.

Negli anni 2010, la Fiorentina si qualifica per diversi anni in UEFA Europa League, raggiungendo la finale di Coppa Italia 2013-2014 con Vincenzo Montella in panchina. Il 13 aprile 2014 la Fiorentina ha centrato lo storico traguardo delle 1.000 vittorie in Serie A. Mario Gómez, il 21 gennaio 2015, ha realizzato la 5.000 rete della storia gigliata in gare ufficiali.
Ultima modifica di Piotta76 il 11/02/2017, 11:27, modificato 1 volta in totale.
ROMANO ROMANISTA

Avatar utente
Piotta76
Messaggi: 2422
Iscritto il: 10/02/2017, 0:31
Località: roma

10/02/2017, 20:30

SONDAGGIO FV, KO DI ROMA? PER 46,37% E' COLPA DELLA SOCIETÀ.



Paulo Sousa, società o squadra? Il disastro dell'"Olimpico" ha lasciato degli strascichi pesanti a Firenze e, già domani sera contro l'Udinese, la Fiorentina sarà chiamata a dare un segnale importante. E' proprio sulla pesante sconfitta con la Roma che FirenzeViola.it ha chiamato a esprimersi i propri lettori con risultati abbastanza evidenti.

Secondo il 46,37% dei votanti, infatti, la colpa dello 0-4 va attribuita principalmente alla società. Dalle scelte di mercato alla scarsa chiarezza nei programmi, passando per la poca vicinanza alla squadra. Non certo esente da colpe, secondo il 38,41% dei votanti, mister Paulo Sousa, considerato dai più privo di motivazioni nei suoi ultimi mesi a Firenze.

Colpisce, infine, il fatto che la squadra viola sia stata messa nel mirino solamente dal 15,22% dei votanti. Orfana di Kalinic, la compagine gigliata si è dovuta ancora una volta "adattare", soprattutto in difesa, e si è comunque trovata di fronte una Roma con ambizioni e calciatori di livello superiore.
ROMANO ROMANISTA

Avatar utente
Piotta76
Messaggi: 2422
Iscritto il: 10/02/2017, 0:31
Località: roma

11/02/2017, 11:28

TOTOFORMAZIONE, DUBBIO SALCEDO-TOMOVIC. C'È KALINIC.



Ripartire. Questa è la parola d'ordine in casa viola dopo la brutta batosta subita sul campo della Roma. Questa sera contro l'Udinese la squadra di Sousa vuole i tre punti, non solo per rilanciarsi in campionato, ma anche per arrivare con la giusta carica all'importante sfida di Europa League con il Borussia Mönchengladbach.

Pochi dubbi per mister Sousa per la sfida di questa sera: il principale ballottaggio è in difesa, con Salcedo e Tomovic che si giocano il posto dello squalificato Sanchez. Per Gazzetta e Tuttosport toccherà al serbo, mentre per Corriere Fiorentino e La Nazione la punizione di Salcedo dopo il fallo da rigore con il Napoli terminerà questa sera. Per il resto non dovrebbero esserci sorprese, con Gonzalo ed Astori a completare il reparto. Badelj e Vecino in mediana, Chiesa e Maxi Olivera (occhio alla possibile sorpresa Tello) sulle fasce. Davanti torna Kalinic, con Borja Valero e Bernardeschi alle spalle del croato.


GAZZETTA: Tatarusanu, Tomovic, Rodriguez, Astori, Chiesa, Badelj, Vecino, Maxi Olivera, Bernardeschi, Borja Valero, Kalinic

NAZIONE: Tatarusanu, Salcedo, Rodriguez, Astori, Chiesa, Badelj, Vecino, Maxi Olivera, Bernardeschi, Borja Valero, Kalinic

CORRIERE: Tatarusanu, Salcedo, Rodriguez, Astori, Chiesa, Badelj, Vecino, Maxi Olivera, Bernardeschi, Borja Valero, Kalinic

TUTTOSPORT: Tatarusanu, Tomovic, Rodriguez, Astori, Chiesa, Badelj, Vecino, Maxi Olivera, Bernardeschi, Borja Valero, Kalinic

FIRENZEVIOLA.IT: Tatarusanu, Tomovic, Rodriguez, Astori, Chiesa, Badelj, Vecino, Tello, Bernardeschi, Borja Valero, Kalinic
ROMANO ROMANISTA

Avatar utente
Piotta76
Messaggi: 2422
Iscritto il: 10/02/2017, 0:31
Località: roma

11/02/2017, 23:24

Fiorentina: Tatarusanu; Tomovic, G. Rodriguez, Astori; Chiesa, Vecino, Badelj, Milic; Borja Valero, Bernardeschi; Babacar.


Udinese: Karnezis, Widmer, Danilo, Felipe, Samir, Fofana, Halfredsson, Jankto, De Paul, Zapata, Thereau





TRIPLICE FISCHIO! La Fiorentina torna alla vittoria e rifila tre reti all'Udinese. A segno Borja Valero, Babacar e Bernardeschi!

44' Saranno 3 i minuti di recupero.

38' Cambio per la Fiorentina: esce Bernardeschi, dentro Tello.

37' Fallo di Milic su Matos, giallo per il croato.

35' GOOOOOL!! BERNARDESCHI CHIUDE LA GARA! Conclusione perfetta del numero 10 viola, che spiazza Karnezis!

34' RIGORE PER LA FIORENTINA! Tocco di mano di Fofana dopo la punizione di Bernardeschi. Giallo per il centrocampista friulano e rigore per la viola.

31' Ci prova subito Saponara: conclusione dal limite, palla alta sopra la traversa.

26' Vecino, malconcio dopo un contrasto, è costretto ad uscire. Al suo posto entra Saponara, al debutto in maglia viola.

22' KALINIC! Lotta sul pallone offerto da Bernardeschi, coordinandosi per la girata al volo di destro! Ma mura con efficacia Danilo!

20' Cambio per la Fiorentina. Esce l'autore del raddoppio Babacar, al suo posto entra Nikola Kalinic. Cambia anche l'Udinese: esce Thereau, dentro l'ex viola Ryder Matos.

16' RADDOPPIO DELLA FIORENTINA! BABACAAAAR! Passaggio geniale di Borja Valero per Babacar, conclusione dell'attaccante viola. Deviazione decisiva di Samir, Karnezis beffato!

12' Udinese pericolosa con Perica in contropiede. Tiene bene la difesa viola, Perica è costretto così a servire Thereau che prova la conclusione dal limite. Blocca senza problemi Tatarusanu.

8' Cambio nell'Udinese: esce De Paul, dentro Perica.

7' Fofana serve largo a sinistra in cerca di Thereau, ma trova l'attenta opposizione di Tomovic, che si frappone sulla linea di passaggio.

3' CHE PARATA DI TATARUSANU! Cross perfetto di De Paul, male Gonzalo in copertura. Zapata tocca di testa da pochi passi dalla linea di porta, il portiere viola si supera e salva i suoi!

1' Si riparte. L'Udinese gioca il primo pallone della gara. Cambio nei friulani, Badu prende il posto di Jankto.


-------------------------------------------------------INTERVALLO-------------------------------------------------------------


46' Numero di Bernardeschi, che guadagna un calcio di punizione da posizione molto interessante. Lo stesso numero 10 calcia in porta ma trova l'attenta respinta di Karnezis.

41' GOL DELLA FIORENTINAAAAA! BORJA VALERO SBLOCCA LA GARA! Azione fantastica di Bernardeschi che lascia partire un sinistro micidiale che si stampa sulla traversa. Sulla ribattuta Borja Valero è bravissimo e trova la rete del vantaggio!

38' Hallfredsson stende Bernardeschi: giallo per l'islandese.

33' Vecino prova il lancio lungo per Chiesa, ma l'arbitro ferma tutto per una posizione irregolare del giovane viola.

28' Cartellino giallo per Bernardeschi. Giallo pesante, visto che il numero 10 era diffidato e sarà costretto a saltare la sfida col Milan.

24' BABACAR! L'attaccante viola si libera bene della marcatura di Widmer, ma il suo colpo di testa finisce a lato!

22' CI PROVA BADELJ! Gran botta del croato da fuori area, Karnezis riesce a respingere!

20' CHE RISCHIO PER I VIOLA! Widmer si invola verso la porta. Lo svizzero entra in area ma viene fermato al momento del tiro d Milic. Widmer cade in area, l'arbitro lascia giocaree

16' Zapata fa il massimo e guadagna un corner. Dagli sviluppi del calcio d'angolo Thereau manda alto sopra la traversa.

13' Fofana! Conclusione da fuori area del centrocampista dell'Udinese. Tiro potente ma centrale, blocca senza problemi Tatarusanu.

11' Babacar protegge bene il pallone poi prova a servire Bernardeschi con un tocco sotto. Chiude bene la difesa bianconera.

7' Troppo lungo il lancio di Astori per Bernardeschi, tutto facile per Karnezis.

5' Babacar cerca di andare a prendere un pallone lungo, travolgendo Danilo. Non fischia Mariani, con la palla arrivata dalle parti di Karnezis

1' Subito viola in avanti! Babacar riceve in profondità, si accentra e libera il destro. Karnezisi respinge con i pugni, Danilo mette fuori.

1' Si parte, la Fiorentina gioca il primo pallone della gara!
ROMANO ROMANISTA

Avatar utente
Piotta76
Messaggi: 2422
Iscritto il: 10/02/2017, 0:31
Località: roma

12/02/2017, 11:41

FINALMENTE BORJA.



Finalmente Borja Valero. Il centrocampista viola ieri sera è tornato in gol ed ha dato il "la" alla vittoria viola contro l'Udinese. Oltre al gol, Borja Valero ha sfoderato una prestazione che non si vedeva da tempo, risultando fra i migliori in campo insieme a Bernardeschi.

Borja non segnava in campionato da ben 29 partite: l'ultima volta fu lo scorso 14 febbraio, quando la Fiorentina si impose 2-1 con l'Inter. Di Borja la rete del pareggio dopo il vantaggio di Brozovic, con Babacar che a pochi minuti dallo scadere segnò la rete della vittoria.

Un anno senza segnare per lo spagnolo, un'attesa lunghissima. Certo, lo spagnolo non ha il gol nelle sue corde, ma da quando è a Firenze ci ha abituato a diverse reti nel corso della stagione. Finalmente Borja si è sbloccato e lo ha fatto in una gara di vitale importanza: c'era da dimenticare la disfatta di Roma ed arrivare pronti alla sfida con il Borussia. Missione compiuta.
ROMANO ROMANISTA

Avatar utente
Piotta76
Messaggi: 2422
Iscritto il: 10/02/2017, 0:31
Località: roma

13/02/2017, 12:53

CROCEVIA EUROPA.



Il prossimo mese sarà, come spesso accade, quello della verità per la Fiorentina targata Paulo Sousa. Tra presente e futuro, i prossimi 30 giorni mostreranno il vero volto di una squadra che si è mostrata altalenante ma anche capace di grandi imprese come la vittoria sulla Juventus. Da quei tre punti che hanno fatto felice un'intera città, riparte il concetto di calcio del portoghese, che tra l'Europa League e il campionato, dovrà provare ad arrivare a marzo ancora in gioco su tutti e due i fronti. Il doppio confronto con il 'Gladbach si alternerà con tre sfide di grande importanza in Serie A, quelle contro Milan, Torino e Atalanta. Tre scontri diretti che possono rilanciare o far soccombere Gonzalo Rodriguez e compagni.

Un mese che segna il vero crocevia tra l'attualità e il prossimo campionato, perché passare il turno europeo è sì un obiettivo primario, ma lo è anche quello di rosicchiare punto dopo punto alle squadre davanti in classifica, fino a riassaporare quelle posizioni che in fondo alla stagione permettono di accedere, più o meno direttamente, alle competizioni europee. Sousa sa bene che il suo futuro, probabilmente slegato da quello viola, passerà anche da questi risultati, e dunque è pronto ad affrontare queste giornate come se fossero una finale dopo l'altra.

La trasferta tedesca è il primo step di un tour de force che disegnerà il volto della prossima Fiorentina. Vietato sbagliare è la frase che circola con maggiore frequenza nello spogliatoio. Anche chi a fine stagione lascerà Firenze, lo vuole fare lasciandosi alle spalle un campionato positivo e un'eredità importante. Il momento di dimostrarlo, è arrivato.
ROMANO ROMANISTA

Avatar utente
Piotta76
Messaggi: 2422
Iscritto il: 10/02/2017, 0:31
Località: roma

14/02/2017, 12:45

ACF-UEL: UN RULLO COMPRESSORE DA TRASFERTA.



Chiamatelo effetto trasferta o, se più preferite, risultati della personalità europea. Già, perché a ben guardare quello che è stato l’andamento recente della Fiorentina lontano dall’Artemio Franchi nelle ultime edizioni di Europa League, i numeri sono davvero da stropicciarsi gli occhi. Merito di una identità, quella viola, che a livello europeo è cresciuta di anno dopo anno (la Fiorentina, se riuscisse nell’impresa di arrivare in Europa League anche in questa stagione, conquisterebbe la 5a qualificazione all’ex Coppa Uefa consecutiva, un vero e proprio record sulle rive dell’Arno) e che ha portato la formazione gigliata - grazie al lavoro di Montella prima e Sousa poi - a posizionarsi stabilmente tra le prime 25 società del Vecchio continente a livello di ranking.

Tanto per fare un esempio, Lione, Liverpool, Ajax ma anche le italiane Lazio, Roma e Milan sono discretamente lontane dai viola in questa speciale classifica. Dicevamo, però, che i numeri della Fiorentina lontano dal Franchi fanno davvero impressione. Ed in effetti è così, se si considera che da agosto 2013 (la partita play-off d’andata contro il Grasshopper con Cuardado-Rossi-Gomez in campo tutti insieme) ad oggi, i viola nelle ultime quattro edizioni di Europa League hanno conquistato nell’arco di 20 trasferte europee 12 vittorie, 6 pareggi ed appena 2 sconfitte (quelle rovinose contro Siviglia in semifinale e quella di appena un anno fa contro il Tottenham). Per il resto, la Viola versione estera si è sempre rivelata un vero e proprio rullo compressore, con addirittura 32 gol fatti (una media superiore al gol e mezzo a partita) e di 18 subiti. Cifre quasi spaventose. Merito del tasso tecnico dei viola (spesso ben superiore a quello degli avversari) ma anche, come detto, dell’esperienza accumulata dal gruppo “storico” della Fiorentina nelle ultime annate, che adesso anche al cospetto del quotato Borussia Mönchengladbach vuole continuare a stupire.

I numeri della Fiorentina in trasferta in Europa dal 2013 ad oggi

20 partite
12 vittorie
6 pareggi
2 sconfitte

32 gol fatti
18 gol subiti
ROMANO ROMANISTA

Avatar utente
Piotta76
Messaggi: 2422
Iscritto il: 10/02/2017, 0:31
Località: roma

15/02/2017, 11:08

DIFESA AL TEST BORUSSIA. CHE IL PAOK SIA STATO DI LEZIONE.



Poco più di ventiquattro ore all'avvio ufficiale dell'intensa doppia sfida tra Fiorentina e Borussia Moenchengladbach, valida per i sedicesimi di finale di Europa League. La prima gara della doppia sfida vede i viola impegnati sull'arduo terreno di sfida del Borussia Park, dove certamente, almeno per quanto riguarda i viola, passeranno buone probabilità di conseguire il passaggio del turno. Le ambizioni europee della Fiorentina sono chiamate a rispondere al complesso ostacolo tedesco: la truppa allenata dal fresco subentrato Dieter Hecking negli ultimi tempi è stata capace di rialzare decisamente la china, e adesso, molto più che al momento del sorteggio, è un avversario che deve incutere timore. Anche la difesa della Fiorentina è sotto osservazione: dal cambio di tecnico i tedeschi ne hanno giovato una compattezza ritrovata e una migliorata fase difensiva, facilitata dallo schema scelto da Hecking, un classico 4-4-2.

Questo nuovo atteggiamento tattico permette al 'Gladbach di giocare un gioco più conservativo e di attesa, per poi scappare in avanti rapidamente grazie all'ottima gamba dei terminali offensivi. Sì, perché il Borussia è privo di un vero e proprio riferimento in attacco, quello che potremmo chiamare centravanti o boa. Essendo la Fiorentina, per osservazione e per ammissione stessa degli esponenti del club, una squadra che si difende con il possesso palla, gli uomini di Sousa dovranno stare ben attenti a non concedere mai il fianco ad eventuale ripartenze, tallone d'Achille della difesa viola, ed arma letale con la quale i tedeschi sanno far male, in questo nuovo anno più che mai. Una lezione pregressa arriva proprio da questa Europa League, quando il PAOK si impose a Firenze per 2-3, riuscendo a scardinare la retroguardia gigliata grazie alle accelerazioni degli esterni d'attacco, che con i loro velocissimi contropiedi mandarono in tilt tutto il sistema difensivo dei viola. Un aspetto da curare al massimo in vista di domani sera, perché il PAOK sia stato di lezione e per provare a passare il turno.
ROMANO ROMANISTA

Avatar utente
Piotta76
Messaggi: 2422
Iscritto il: 10/02/2017, 0:31
Località: roma

16/02/2017, 18:29

FORM. UFFICIALI, SANCHEZ E TELLO TITOLARI. TORNA KALINIC.



Sono state rese note le formazioni ufficiali di Borussia Moenchengladbach-Fiorentina.

FIORENTINA (3-4-2-1): Tatarusanu; Sanchez, Rodriguez, Astori; Tello, Badelj, Vecino, Olivera; Bernardeschi, Valero; Kalinic.

BORUSSIA MOENCHENGLADBACH (4-4-2): Sommer; Jantschke, Christensen, Vestergaard, Wendt; Herrmann, Kramer, Dahoud, Johnson; Stindl, Hazard.
ROMANO ROMANISTA

Avatar utente
Piotta76
Messaggi: 2422
Iscritto il: 10/02/2017, 0:31
Località: roma

17/02/2017, 0:02

Queste le formazioni ufficiali delle due squadre:



FIORENTINA (3-4-2-1): Tatarusanu; Sanchez, Rodriguez, Astori; Tello, Badelj, Vecino, Olivera; Bernardeschi, Valero; Kalinic.



BORUSSIA MOENCHENGLADBACH (4-4-2): Sommer; Jantschke, Christensen, Vestergaard, Wendt; Herrmann, Kramer, Dahoud, Johnson; Stindl, Hazard.





93' - E' FINITAAAA! La Fiorentina sbanca il Borussia Park con un grande gol di Bernardeschi sul finale di primo tempo.

92' - Altra conclusione debole di Babacar dopo un buon lavoro con Borja Valero.

90' - Tre minuti di recupero. Occasione per il 'Gladbach sprecata da Drmic che di testa si fa bloccare il tiro da Tatarusanu.

87' - Occasione per Babacar che pescato da Olivera trova un corridoio fino al limite dell'area ma poi calcia debolmente trovando la pronta risposta di Sommer.

85' - Ultimo cambio per la Fiorentina:fuori uno stanchissimo Tello e dentro Tomovic.

83' - Risponde subito Borja Valero con un bel tiro teso dalla trequarti sul quale Sommer non si fa trovare impreparato.

83' - Il 'Gladbach continua ad attaccare, questa volta con un cross di Wendt dalla sinistra e Drmic che di testa colpisce di poco a lato.

82' - Ancora pericolosi i tedeschi, questa volta con Hazard che ha calciato fuori dal vertice alto destro dell'area viola.

81' - Occasione per il 'Gladbach con la difesa viola costretta a mandare in angolo dopo un'azione ripetuta sulla destra. In difficoltà i viola in quel settore del campo con Tello che è ormai un fantasma.

80' - Tre ripartenze sbagliate da Tello sulla sinistra. Lo spagnolo sembra veramente in debito d'ossigeno.

77' - Secondo cambio per la Fiorentina: esce Kalinic ed entra Babacar. Doppio cambio anche per il 'Gladbach: fuori Johnson e Herrmann e dentro Korb e Hahn.

67' - Altra occasione per il Borussia! Wendt raccoglie un invito di Hazard sulla sinistra con la palla che si spegne di poco a lato della porta difesa da Tatarusanu.

65' - Paulo Sousa ha invertito la posizione di Tello mandandolo al posto di Bernardeschi con Cristoforo che agirà dunque esterno a destra.

64' - Secondo ammonito per i viola, questa volta è Badelj a prendere il giallo per un fallo su Stindl. Nel frattempo cambio sia per i tedeschi che per i viola. Esce Bernardeschi ed entra Cristoforo; mentre per il Gladbach fuori Jantschke e dentro Drmic.

63' - OCCASIONE PER I VIOLA! Bella azione orchestrata da Bernardeschi e Kalinic, con il croato che manda al cross Tello sulla destra, cross basso per Borja Valero e palla che si spegne sul fondo.

61' - Cross dalla destra di Herrmann, buca centrale di Gonzalo Rodriguez con Johnson che dopo lo stop ha provato un destro a giro che è finito abbondantemente sul fondo.

60' - Hanno iniziato il riscaldamento per i viola Saponara, Ilicic e De Maio.

59' - Ammonito Federico Bernardeschi per proteste! Il numero 10 viola si becca il giallo dopo aver subito un fallo non rilevato da Manzano.

52' - Torna a farsi subito sotto il Borussia Monchengladbach con Dahoud che conquista un calcio d'angolo che però viene allontanato prontamente dalla difesa viola.

49' - Primo angolo del secondo tempo per i viola con Borja Valero che però non riesce ad impensierire la difesa tedesca. Uscita di Sommer e ripartenza del 'Gladbach.

46' - INIZIA IL SECONDO TEMPO! Si parte dal vantaggio viola messo a segno da Bernardeschi su punizione al 43' e co gli stessi 22 della prima frazione.


__________________________________


45' - Finisce il primo tempo di Borussia Monchengladbach con il vantaggio dei viola messo a segno da Bernardeschi. Il numero 10 viola, con una grande punizione, ha sbloccato la gara. Partita dominata dai padroni di casa ma sbloccata dalla Fiorentina.

43' - GOOOOOOL DELLA FIORENTINA!!!! FEDERICO BERNARDESCHI nel giorno del suo compleanno sblocca la gara! Il numero 10 viola prima conquista una punizione sulla trequarti dei tedeschi. Il tiro successivo è bellissimo, una bomba che si infila sotto il sette difeso da Sommer. Vantaggio viola a Monchengladbach!

41' - CLAMOROSA DOPPIA OCCASIONE PER STINDL! Azione corale della squadra di Hecking che porta Herrmann a crossare sul centro con il capitano che sbaglia clamorosamente. Pochi secondi più tardi cross dalla destra di Hazard per Johnson che di prima intenzione colpisce il palo a Tatarusanu battuto; sulla ribattuta ancora Stindl manda clamorosamente a lato di sinitro da posizione ottima per calciare a rete.

40' - Azione insistita del 'Gladbach che trova spesso molto spazio sulla sinistra, complici gli errori tattici di Tello, con l'azione che fortunatamente per i viola si è conclusa con un tiraccio sul fondo da parte di Jantschke..

39' - Primo tiro verso la porta per la Fiorentina con Vecino che ha raccolto un giro palla da parte di Badelj per scaricare di poco a lato.

36' - Fiorentina che sembra essere riuscita a prendere le misure ai tedeschi anche se difficilmente riesce a costruire un'azione di gioco.

29' - Punizione dalla trequarti dei tedeschi con palla pericolosissima al centro dell'area e palla respinta di pugno da Tatarusanu. Bravo il rumeno ad uscire con i tempi giusti.

27' - Herrmann sta facendo impazzire la fascia destra della Fiorentina: i tedeschi attaccano spesso dalla destra con palla verso il centro e l'esterno numero 7 è un pericolo costante per Maxi Olivera e compagni.

23' - Fiorentina in difficoltà in questo momento della gara. Il 'Gladbach attacca spesso con tanti giocatori e la difesa viola deve spedire la palla in fallo laterale con regolarità. Difficile ripartire a centrocampo, con Badelj sottotono fino a questo momento.

17' - Gli schermi di servizio hanno mostrato il replay dell'azione di Herrmann: l'arbitro Manzano non ha fischiato, ma la sensazione è che il rigore per i tedeschi fosse netto.

16' - Altra occasione per i tedeschi che chiedono a gran voce un calcio di rigore! Bellissima azione da destra verso sinistra della formazione di Hecking, con Johnson che ha messo dentro per Herrmann anticipato con un intervento vigoroso da parte di Maxi Olivera.

14' - Clamorosa occasione da gol per il 'Gladbach! Herrmann su imbeccata di Kramer, serve Hazard a due passi da Tatarusanu, colpo di tacco del belga per l'esterno con Tatarusanu bravissimo a respingere la conclusione ravvicinata.

11' - L'arbitro Manzano non fischia un intervento di Stindl su Astori, Herrmann si inserisce pericolosamente ma Gonzalo chiude in angolo, Sul corner, prova il tiro da fuori Dahoud con la palla che finisce ampiamente alta sulla traversa difesa da Tatarusanu.

7' - Fase di studio della partita. Grande alternanza nel possesso palla con la Fiorentina che si difende con ordine.

3' - Primo corner per i viola dalla destra con Sommer costretto alla deviazione in angolo che però verrà battuto da Borja Valero sulla sinistra. Niente di fatto e palla tra le mani del portiere tedesco.

2' - Palla costantemente tra i piedi dei giocatori viola, che iniziano la partita cercando il consueto possesso palla.

1' - PARTITI! Al via il sedicesimo di finale tra 'Gladbach e Fiorentina!
ROMANO ROMANISTA

Rispondi
  • Informazione
  • Chi c’è in linea

    Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite